Aerei e Aeroporti

Ryanair sbarca in Israele. Da Bergamo voli per Tel Aviv

Da ottobre la compagnia aerea irlandese collegherà l’aeroporto di Orio al Serio a Tel Aviv ed Eilat. Nuovi collegamenti anche per Bulgaria, Romania e Scozia 

Ryanair punta sull’aeroporto di Bergamo, apre nuove rotte e sbarca in Medio Oriente. Da ottobre si potrà volare a Tel Aviv e Eilat,  in Israele. Paese dove la “concorrente” EasyJet è già atterrata da qualche anno con voli low cost dall’Italia.  Ora anche Ryanair vuole entrare nel mercato mediorientale. E lo fa collegando due volte a settimana lo scalo di Orio al Serio alla capitale israeliana, a nord, e all’aeroporto Ovda, a sud, dove transita una quota rilevante del traffico passeggeri diretto a villaggi turistici del Mar Rosso. Quattro i voli programmati ogni settimana da Bergamo per Tel Aviv e due, invece, i collegamenti con Eilat.

Sempre a ottobre verrà inaugurata la nuova rotta che unirà il capoluogo lombardo a Plovdiv,  in Bulgaria e decolleranno cinque nuovi collegamenti per Bordeaux, Edimburgo, Lussemburgo, Napoli e Oradea, che consentiranno una crescita del 9% del traffico passeggeri. “In questo modo Bergamo potrà raggiungere  i  10,2 milioni di passeggeri all’anno. Un traffico che darà e supporto a 7.650 posti di lavoro”, afferma Kenny Jacobs, Chief Marketing Officer di Ryanair. In questo modo la low cost sale a 67 le rotte operate nello scalo di Orio al Serio, per un totale di 541 voli a settimana.

Ryanair è la compagnia aerea leader in Europa con 119 milioni di passeggeri trasportati all’anno e 1.800 voli giornalieri che collegano oltre 200 destinazioni in 33 paesi. “L’obiettivo – annuncia Jacobs- è  raggiungere i 200 milioni di passeggeri nel 2024”.

 

Categorie

Photogallery